Senza categoria

Si torna a cantare a scuola davvero!

Attività e novità e per un rilancio concreto del canto nella Scuola

Un comune sentire quello che in questi tempi difficili ha guidato le agenzie educative che si occupano del potenziale formativo della musica corale verso il nostro miglior futuro: i nostri bambini e ragazzi. Sono state avviate iniziative specifiche, precise e mirate per un rilancio concreto del canto nella scuola e tutte si muovono verso un coinvolgimento diretto da parte del mondo scolastico innestandosi su ciò che nella scuola si vive e si respira quotidianamente, donandogli però le ali del canto come mezzo straordinario per un viaggio migliore verso la vita. Si parte dal Ministero dell’Istruzione per arrivare ad associazioni corali regionali che in modo coraggioso e determinato hanno scelto di investire in questa direzione concretizzando l’idea del grande valore della musica e del canto nell’azione educativa. 

L’Avviso del Ministero “Pratica corale nella scuola primaria”

Forte il segnale arrivato dal Ministero dell’Istruzione con l’Avviso del 20 ottobre 2021, adottato ai sensi dell’art. 3, comma 1, lettera b) del D.M. n. 48/2021: con questa proposta infatti è stata avviata una procedura di selezione e finanziamento di iniziative progettuali dirette ad incentivare la pratica corale nella scuola, in particolare alla Primaria. 

Nell’avviso il Ministero ha esplicitato che “il canto e il canto corale rivestono funzione di sviluppo dei prerequisiti indispensabili per la costruzione della personalità dell’alunno, come soggetto dell’apprendimento e non solo fruitore, perché sviluppa le abilità di base, il gusto estetico e la capacità di relazionarsi positivamente con gli altri. Sono molteplici i vantaggi educativi trasversali e musicali del fare musica insieme: da un lato si favoriscono lo sviluppo delle capacità mnemoniche e di attenzione, il potenziamento dell’autocontrollo, il senso critico ed autocritico, dall’altro si offre ai bambini e ai ragazzi l’opportunità di scoprire le proprie attitudini, favorendo una serena e piacevole vita di classe”. Le risorse programmate per la realizzazione dei progetti sono complessivamente pari ad € 680.000,00, assegnati su base regionale in considerazione del numero di alunni iscritti alla scuola Primaria statale.  Il massimale di spesa riconosciuto a ciascuna Istituzione scolastica è stato di € 3.400.  Più di duecento le scuole italiane che, rispondendo prontamente a questa candidatura, hanno ottenuto il finanziamento avviando, in questo stesso anno scolastico 2021/22, un percorso di pratica corale nella scuola Primaria. È un segnale che porta con sé anche la consapevolezza che la scuola, da sola, non può fare tutto ma necessita di avere al suo fianco anche Enti del Terzo Settore che infatti sono stati contemplati come eventuali e possibili “partner di progetto”. 

si torna a cantare a scuola davvero

Il canto come uno strumento didattico naturale per l’apprendimento: il progetto della Federazione Cori del Trentino

”Stimolare” e “motivare” le due parole chiave del percorso che la Federazione Cori del Trentino ha programmato e messo in atto nel 2022 per il mondo della Scuola. Il tutto è nato da un’idea del Maestro Ilario De Francesco, musicista, direttore di coro e compositore trentino, sostenuto dal Maestro Marina Rossi, che con viva energia funge da ponte tra il mondo corale e quello scolastico, e da tutto il Comitato Tecnico del Federazione Cori del Trentino. “Siamo partiti dalla consapevolezza che il canto può accompagnare davvero qualsiasi attività e argomento affrontato nella scuola – spiega il Maestro De Francesco. “Abbiamo articolato un percorso che potesse fare del canto uno strumento didattico naturale per l’apprendimento. Un po’ come lo studio delle lingue straniere si nutre costantemente di canti, allo stesso modo la scuola dovrebbe poter cantare qualsiasi cosa venga proposto tra i banchi”. Da questa idea è nato il progetto “Canto+Emozioni=Apprendimento”.  “Si è scelto – continua De Francesco – di partire dal “dentro” alla scuola stessa puntando in particolare sugli insegnanti, stimolandoli a sperimentare le potenzialità del canto come strumento per l’apprendimento di tematiche trattate nella programmazione disciplinare: abbiamo infatti proposto a loro stessi la creazione di testi che fossero espressione e animo di ciò che caratterizza la vita scolastica. Perciò il primo passo è stato un corso di aggiornamento per docenti, di impronta anche laboratoriale, svoltosi lo scorso Settembre 2021: in quel momento si sono toccati diversi tasti inerenti al complesso meccanismo che sottende all’apprendimento come quello psicologico, ludico ed emozionale”.  

Un “Bando di stesura di testi” è stata la successiva tappa del percorso dal quale sono stati scelti una ventina di componimenti divisi in precise categorie: Scuola dell’infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di primo grado, Scuola Secondaria di secondo grado e un’ultima categoria per Cori Associativi. Ogni singolo testo è riferito ad un preciso grado scolastico e vede esplicitata la disciplina di riferimento e l’anno in cui la quella precisa tematica viene affrontata nei percorsi curriculari: si va da una ”Indovistrocca” a  un “Tre colori” per l’infanzia, da “Il modo indicativo” alle “Fiabe in canto” per la Primaria,  da un “Io son Dante, Dante Alighieri” a “ Fiducia favolosa” per la Secondaria di primo grado, da testi in lingua inglese come “Balance” o “Musa Euterpe” per la Secondaria di secondo grado, solo per citare alcuni titoli.  Significativo è il fatto che alcuni di questi testi sono il frutto di un lavoro laboratoriale condotto ad hoc da insegnanti con i loro alunni.  

si torna a cantare a scuola davvero

I compositori a dare veste corale a questo lavoro letterario sono tutti maestri avvezzi a lavorare “per” e “con” cori scolastici: M. Banal, M. Culmone, I. D. Francesco, E. Eccli, F. Milita, A. Nardelli, P. Orlandi e C. Vettorazzi. In collaborazione con alcune scuole del Trentino sono state incise le esecuzioni corali di tutti questi brani che si distinguono, uno dall’altro, da stili compositivi diversi, oltre che dalla scelta di timbriche variegate nella parte dell’accompagnamento strumentale. La raccolta, completa di esecuzioni e di basi musicali, sarà disponibile dal prossimo settembre e prenotabile dal sito della Federazione cori del Trentino www.federcoritrentino.it . “Quello che il nostro gruppo di lavoro si è posto come obiettivo è anche di guidare i docenti che utilizzeranno questo strumento didattico.  Unitamente alla presentazione ufficiale della raccolta, avremo infatti dei momenti di incontro per guidare gli insegnanti che sceglieranno di utilizzare questo materiale nel loro lavoro”.

Far cantare “la bellezza” salverà il mondo: ARCoPU investe sulla Scuola 

Dall’ Associazione Regionale Cori della Puglia è in essere un altro importante progetto pensato per la coralità scolastica. “Partendo dalla celebre frase d’autore secondo la quale La bellezza salverà il mondo – ci spiega il Presidente di ARCoPu,  Pierfranco Semeraro – la nostra associazione ha inteso realizzare un progetto originale e articolato della durata di ben 18 mesi, che ha portato alla creazione di tre laboratori corali (il primo al nord, il secondo al centro e il terzo al sud della Puglia) rivolti a ragazzi in età scolastica dai 7 ai 17 anni. Direttori e preparatori vocali di grande spessore si sono alternati in questi laboratori per dare la necessaria uniformità e ai ragazzi è stato proposto, attraverso l’eccezionale risorsa della musica corale, un percorso di studio e di crescita basato su un repertorio e dei testi adeguati. Attraverso temi di legalità e convivenza civile si è così giunti anche alla bellezza e, soprattutto, la musica corale e il coro sono stati usati “ad hoc” per la prevenzione di isolamento e disagio, ai quali si è risposto con dialogo e condivisione. Così, vista, la necessità di ampliare il repertorio a disposizione, sono state messe in evidenza anche le capacità dei compositori, con un bando per la selezione di nuovi brani per voci bianche con testi basati su queste tematiche. Il risultato è un volume, intitolato appunto La bellezza salverà il mondo edito da ARCoPu Edizioni Musicali, che contiene 22 brani originali. 

Rispetto verso l’ambiente nella sua vasta e variegata espressione, rispetto verso il mondo animale, il rispetto verso l’altro e la ricerca costante della Pace per migliorare il mondo con il coraggio di ricerca verso il bello e il giusto: queste le tematiche che attraversano i testi di F.Martinelli, I.Lusuriello, P.Liuzzi, L.Varesano, S.Lella, M. Mazza , E.Gastaldon. Una raccolta che farà cantare scuole intere grazie alle penne compositive dei Maestri M. Santoiemma, A. Nardelli, C. Ferrara, D. Nasti, M. Nasti , P. Liuzzi, A. Tomarchio, G. Castagna, S. Rizzu, P. Ingelse, D. Cattaneo, G. Tudini,  C. Ferrari, G. Goruppi , G.P. Luppi, I. Lusuriello, E.  Fontana e A. Basevi. 

“La presentazione ufficiale della pubblicazione – continua il Presidente Semeraro – avverrà il prossimo 3 luglio, giusto a 5 giorni dal venticinquesimo anniversario della fondazione di ARCoPu: occasione, questa, per la quale numerose saranno anche le iniziative successive, nelle quali “Bellezza e legalità” avrà sempre spazio. ARCoPu provvederà alla promozione degli autori e alla circuitazione delle musiche, anche con esecuzioni da parte dei tre laboratori. Ogni compositore avrà alcune copie della pubblicazione con le quali poter promuovere il proprio lavoro e il volume potrà esserci richiesto in qualsiasi momento facendo riferimento al nostro sito www.arcopu.com

Un rilancio concreto del canto nella scuola è possibile anche grazie a tutto ciò. Le energie in gioco sono molte e ora più che mai è obiettivo comune a tutti gli attori del mondo corale tornare a cantare a scuola davvero! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: